Cerca
 cerca informazioni o persone
 

L'Ateneo promuove il miglioramento continuo della qualità dei corsi di studio, della ricerca, della terza missione e delle strutture didattiche.

L’assicurazione della Qualità, descritta dettagliatamente a livello d’Ateneo nelle pagine dedicate, promuove un’osservazione nel tempo dei risultati della formazione, della ricerca e della terza missione utilizzando gli strumenti previsti dal sistema AVA (autovalutazione, accreditamento e valutazione del sistema universitario italiano). Invitiamo a contribuire alla qualità inviando suggerimenti all’indirizzo segnalazione.studenti.math [at] unitn.it.

Assicurazione Qualità della Didattica

I corsi di studio del Dipartimento vengono sottoposti annualmente a diverse forme di valutazione della qualità delle attività, in coerenza con quanto indicato nell'art. 15 del Regolamento didattico di Ateneo, emanato con D.R. n. 461 del 27 agosto 2013, modificato con D.R. n. 412 del 2 luglio 2015 e con D.R. n. 841 del 19 dicembre 2016.

Il Dipartimento procede a verificare periodicamente l'andamento delle procedure di Assicurazione Qualità, in particolare si prevede un monitoraggio continuo delle attività didattiche, segnalando situazioni di criticità e  formulano azioni correttive. Viene inoltre predisposta la documentazione richiesta da ANVUR, quali la Scheda di monitoraggio annuale, il Rapporto di riesame ciclico e la compilazione della Scheda Unica Annuale (SUA-CdS).

In Dipartimento è costituito un Gruppo di Riesame che dovrà, non solo procedere alla stesura della documentazione per il riesame, ma anche verificare periodicamente le azioni messe in atto per superare le criticità emerse. La Commissione didattica si riunirà all'inizio dell'anno accademico per selezionare i tutor per gli studenti del primo anno di corso; dovrà seguire l'andamento dei test di ammissione e utilizzare questi dati per valutare azioni di supporto agli studenti più deboli. Nel corso dell'anno la Commissione didattica potrà riunirsi anche per affrontare eventuali criticità emerse e fornire supporto al Gruppo di Riesame.

Le opinioni degli studenti sugli insegnamenti e il loro gradimento sono indispensabili nel processo di autovalutazione. I docenti, i gruppi di riesame dei corsi di studio e le commissioni paritetiche docenti-studenti possono così individuare interventi di correzione mirati ed avviare il miglioramento della qualità della didattica.

Assicurazione Qualità della Ricerca e della Terza missione

Il Dipartimento attua la propria politica per l'assicurazione della qualità aderendo al sistema di qualità dell'Ateneo, sia per la ricerca che per la didattica, secondo le disposizioni legislative e le indicazioni dell'ANVUR.
Per quanto riguarda la ricerca, il Dipartimento di Matematica si occupa sia di ricerche nella matematica di base, che di ricerche collegate con altre discipline, ritenendo fondamentali entrambi gli aspetti. Il Dipartimento intende garantire la qualità della ricerca nella matematica di base così come sviluppare la ricerca sugli aspetti computazionali e modellistici, anche in vista del trasferimento delle conoscenze.

Al fine di incentivare la qualità della ricerca, i fondi del Dipartimento vengono in parte assegnati a progetti approvati dal Consiglio di Dipartimento e in parte distribuiti fra i gruppi di ricerca. Ad ogni gruppo di ricerca viene assegnata una quota premiale basata su paramenti intesi a valutare la qualità della ricerca.

Il Dipartimento riconosce tra i suoi obiettivi la capacità di favorire la diffusione del sapere scientifico-tecnologico, in particolar modo al sistema scolastico e al sistema delle imprese. Il trasferimento delle conoscenze al sistema scolastico è uno dei punti di forza del Dipartimento, grazie alla ricca rete di rapporti e attività con le scuole intrattenuta dal Laboratorio di Comunicazione e Didattica, e dalle attività connesse al Progetto Lauree Scientifiche. Per quanto riguarda il trasferimento delle conoscenze al sistema delle imprese vanno evidenziate le collaborazioni con aziende e strutture sia pubbliche che private nel settore della crittografia-codici e le collaborazioni con enti di ricerca e istituzioni sanitarie in vari settori bio-medici.

Nel sistema di Assicurazione Qualità della Ricerca e Terza missione è prevista la compilazione periodica dei seguenti documenti/banche dati:

  • la SUA-RD, ossia la Scheda Unica annuale della Ricerca Dipartimentale
  • il Rapporto di riesame
Organizzazione per l’Assicurazione Qualità

Le strutture convolte nel processo di Assicurazione Qualità si riuniscono periodicamente, anche in sedute congiunte, per affrontare le problematiche di loro competenza e riferiscono al Consiglio di Dipartimento di eventuali criticità emerse, proponendo eventuali correttivi e miglioramenti possibili sui quali il Consiglio di Dipartimento dovrà poi deliberare.

Attori del sistema di assicurazione qualità previsti in Dipartimento:

Direttore

Il Direttore coordina le politiche didattiche e scientifiche del Dipartimento e opera per la loro attuazione, ha la rappresentanza del Dipartimento, presiede il Consiglio e la Giunta e cura l’esecuzione delle loro delibere.

Direttore

Delegato per la Qualità

Il Delegato per la Qualità promuove il miglioramento continuo della Qualità della Didattica, della Ricerca e della Terza Missione del Dipartimento, anche garantendo un continuo confronto tra l'Ateneo e il Dipartimento relativamente alle iniziative di assicurazione della qualità.

Il delegato per la qualità di Dipartimento è il Prof. Claudio Fontanari

Consiglio di Dipartimento

É l’organo collegiale del Dipartimento ed è responsabile per l’assicurazione della qualità.
Consiglio di Dipartimento

Commissione Paritetica docenti-studenti (CPDS)

La CPDS è costituita a livello di Struttura Accademica con la maggiore rappresentanza possibile di studenti dei Corsi di Studio a essa afferenti. É incaricata di monitorare l'offerta formativa e la qualità della didattica, di individuare indicatori per la valutazione dei risultati e di formulare pareri sull'attivazione e la soppressione di corsi di studio.
La Commissione Paritetica Studenti-Docenti

Coordinatori/Responsabili di Corsi di Studio

Sono i referenti per la progettazione, la revisione del Corso di Studio (CdS) e responsabili della compilazione della scheda SUA-CdS, della schede di monitoraggio annuale e del rapporto di riesame ciclico dei CdS. Devono esercitare un’efficace azione di monitoraggio in merito all’andamento dei CdS, curando l’esecuzione di quanto previsto in sede di riesame, anche in ordine a una periodica revisione degli obiettivi formativi dei CdS, alla verifica del raggiungimento degli obiettivi proposti e intervenendo in maniera tempestiva quando si presentino problematiche.
Il nominativo dei coordinatori dei Corsi di studio è disponibile nella pagina dei contatti di ciascun  CdS:

Gruppi di riesame dei Corsi di Studio

Sono i principali protagonisti del processo di autovalutazione dei corsi di studio, in quanto rappresentano gli attori diretti della messa in atto del processo di riesame. Procedono alla stesura della scheda di monitoraggio annuale e del rapporto di riesame ciclico, garantendo il monitoraggio del CdS e intervenendo in caso di criticità con appropriate azioni di miglioramento.
Gruppi di riesame a.a. 2017/2018

  • Laurea in Matematica e Laurea Magistrale in Matematica: Lorenzo Mazzieri, Gianluca Occhetta, Lucia Osele, Raul Serapioni, Carmine Abate, Anna Vallortigara, Carlotta Vielmo
  • Master of Science (Laurea Magistrale) in Quantitative and Computational Biology: ENRICO BLANZIERI, ENRICO DOMENICI, PIETRO FACCIOLI, GIAN MARCO FRANCESCHINI, FABRIZIO GRANELLI, GRAZIANO GUELLA, ALBERTO INGA, OLIVIER JOUSSON, CORRADO PRIAMI, ANDREA PUGLIESE, LUIGI ZANOVELLO

Commissione didattica dei corsi di studio in Matematica

La Commissione didattica istruisce le pratiche relative ai piani di studio, alle abbreviazioni di carriera, alle ammissioni ai corsi di studio, al riconoscimento degli esami sostenuti nell'ambito del progetto Erasmus o altri progetti internazionali. Nel corso dell'anno la Commissione didattica potrà riunirsi anche per affrontare eventuali criticità emerse e fornire supporto al Gruppo di riesame.
Commissione Didattica

Rappresentanti degli studenti

I compiti principali dei rappresentanti degli studenti consistono nel riportare osservazioni, criticità e proposte di miglioramento in merito al percorso di formazione e verificare che sia garantita la trasparenza e la condivisione delle informazioni.

La partecipazione degli studenti è prevista in tutti i gruppi di riesame e nella Commissione Paritetica docenti-studenti.
Il nominativo dei rappresentanti degli studenti è disponibile nella pagina dei contatti di ciascun  CdS:

Segnalazioni

Nell'ottica del miglioramento continuo della qualità dei servizi, gli studenti e le studentesse del corso di laurea in Matematica e del corso di laurea magistrale in Matematica sono invitati a presentare segnalazioni e suggerimenti (cioè osservazioni su problematiche attinenti la qualità dei servizi didattici o di supporto, oppure proposte per il loro miglioramento).
Il Dipartimento di Matematica ha indicato esplicitamente tra i propri obiettivi quello di consolidare la procedura secondo la quale le richieste di chiarimenti da parte delle studentesse e degli studenti possono essere indirizzate:

  • in prima istanza ai loro rappresentanti,
  • in seconda istanza alla commissione paritetica,
  • e in ogni caso alla direttrice/al direttore di dipartimento.

Il responsabile del processo (Responsabile dell'assicurazione della qualità) riceve le segnalazioni e i suggerimenti inviati dagli studenti di matematica all’indirizzo segnalazione.studenti.math [at] unitn.it. E' indispensabile che nella comunicazione vi siano l’indicazione delle generalità e del recapito dello/della studente/studentessa e la descrizione dell’oggetto della segnalazione nel modo più circostanziato possibile, fornendo elementi verificabili.
I dati personali forniti saranno raccolti e conservati ai soli fini della procedura volta alla gestione della segnalazione, garantendo la riservatezza e nel rispetto delle disposizioni di cui al d.lgs. n. 196/2003.

I seguenti organi istituiti di ateneo hanno fra le proprie funzioni anche quella di garanzia nei confronti degli studenti:

  • il Garante degli studenti: ai sensi del “Regolamento degli studenti dell’Università degli Studi di Trento”, “Al Garante degli studenti, nominato dal Rettore acquisito il parere del Consiglio degli Studenti, sono attribuite le seguenti funzioni:
    a) esaminare le segnalazioni degli studenti pervenute in qualsiasi forma, scritta o verbale, purché non anonime, riguardo atti o comportamenti, anche omissivi, ritenuti contrari al Codice d’onore degli studenti dell’Università;
    b) vigilare sulla corretta applicazione della disciplina relativa alla didattica, alla gestione amministrativa delle posizioni degli studenti, ai servizi allo studio;
    c) vigilare, su istanza degli studenti, affinché la rappresentanza studentesca negli organi accademici sia pienamente garantita e resa effettiva.
    Il Garante degli studenti opera nel rispetto della riservatezza e del diritto all’anonimato dei soggetti coinvolti. Nell’esercizio delle sue funzioni, il Garante compie ogni atto istruttorio necessario e può richiedere alle strutture e al personale d’Ateneo le informazioni e i documenti che ritenga utili per l’espletamento dell’istruttoria, senza che gli possano essere opposte esigenze di segretezza. Egli può altresì rivolgersi direttamente al personale e alle strutture d’Ateneo, operando per la soluzione delle questioni e sollecitando l’adozione dei provvedimenti opportuni, senza esercitare poteri sostitutivi.”
  • il Comitato unico di garanzia (CUG): istituito in attuazione di una specifica previsione normativa (L.183/2010), la sua presenza è richiamata anche nello Statuto (art. 29 comma 3) e le sue funzioni sono definite nel Regolamento generale di Ateneo (art. 36), che prevede: “Il Comitato vigila sul rispetto del principio di non discriminazione di genere, età, orientamento sessuale, lingua, origine etnica, disabilità, religione, politica e sindacale, e vigila affinché non siano intraprese azioni di vessazione all’interno dell’Ateneo. Il Comitato ha compiti propositivi, consultivi e di verifica e opera in collaborazione con il Consigliere di fiducia”.
  • la Consigliera di Fiducia: la persona che ricopre il ruolo di Consigliere di Fiducia è chiamata a prevenire, gestire e aiutare a risolvere i casi di mobbing e di molestie sessuali che hanno luogo nell’ambiente di lavoro o di studio, portati alla sua attenzione. A tali fini, svolge le seguenti funzioni:
    - ascolto e tutela della parte che si ritenga vittima delle fattispecie di molestie e mobbing, anche in connessione ad eventuali procedure informali o formali di risoluzione del conflitto o del disagio;
    - di informazione e formazione, finalizzate alla sensibilizzazione contro le forme di mobbing e molestie sessuali e alla prevenzione di tali fenomeni.